Trova la Lella
Ionesco vivant (attimi di litio in una professione rutinaria)

Le sue prigioni

AldoSms 08.05.08 18:08

8.5.08 Onanchiari Arresti domiciliari di lusso (diritto di uscire a farmi la spesa). Posso tenere i muscoli della faccia allentati come gli va, nessuno che mi veda, così cinereo, sconsolato, nemmeno fossi quella tetra e dolorosa figlia di Rauti sposata Alemanno, un'eroina ammutolita dai troppi uomini sbagliati che idealmente l'hanno innalzata per sotterrarla di fatto da viva, qui a sguardo spento e ancora incredulo, sensibile solo ai miei iris color champagne e bianchi, alle creme al cioccolato e al caffè, e, sì, ai gerani Leopoldo di un rosso che verso sera tende sempre più al nero, e ormai la ferita più lieve comporta tempi di medicazione sempre più lunghi, settimane che sfociano nel secondo mese e in altri due per una guarigione almeno posticcia. Però non tutto è perduto, vita a parte. Con Alfano ministro alla Giustizia e Bondi alla Cultura ho voglia solo di essere colpevole per niente e di ritornare analfabeta per qualcosa, di portarmi avanti per stare al passo col Belpaese, ecco. Mi basterebbe anche un bacio di Giuda se fosse lingua in bocca.

Commenti

barynia

Terrorizzante ma non priva di fascino l'Isabella.

tempesta

Io la vedo
E la sento
E spero che lei possa trovare serenità,glielo auguro di cuore.

I commenti per questa nota sono chiusi.