Lo stato delle fregne a Londra
Ragazze, fuori i cazzi

3 sms

Qualcosa da ricordare

22.10.09 Sarebbe così facile essere indimenticabili, basta ovviare allo spirito di rapina a tutti i costi: prendete per esempio una vittima totale (quale un uomo maggiorenne al soldo non è mai), una ragazza abusata dai suoi aguzzini iniziali, i suoi magnaccia, e finali, i suoi clienti, trattate la marchetta alla tariffa più alta del senza preservativo e caricatela in auto e portatela in un ristorante usandole la comune cortesia dovuta a una persona comune, parlatele del più e del meno senza scopi salvifici, fatela ridere, amaro o dolce fa lo stesso, sdrammatizzate la vostra paura di essere scambiato per l’ennesimo farlocco impotente pervertito e la sua paura, crescente, che non lo siate affatto, se si lamenta perché il tempo è scaduto allungatele subito l’intera tariffa prima che le squilli il telefonino, equivalente per lei del braccialetto elettronico, e ditele che la rinnovate, se arriva un venditore di rose comprategliene tre-amore anche se personalmente le userei per fustigarli a sangue e sulla strada del ritorno, durante i cui minuti il suo terrore per il peggio in agguato raggiunge l’intensità dolorosa del suo terrore di un’improvvisa gioia in pericolo, prendetele la mano sinistra e portatevela alle labbra sfiorandola con un bacio e riaccompagnatela con cautela dove stava prima, ed ecco, siete arrivati sul posto da dove l’avete prelevata, mettete mano di nuovo al portafoglio attenendovi scrupolosamente al saldo convenuto senza un solo, offensivo euro in più, ringraziatela della compagnia e addio. A.B.

Parola chiave: “cazzo”

20.10.09 dall’aeroporto di B. La rivoluzione telematica consiste nella massificazione del conformismo sotto le mentite spoglie della cosiddetta trasgressione: dove non si è tenuti alla responsabilità e non ci si appropria del privilegio di firmarsi con nome e cognome, i contatti non sono tra persone ma tra mezze persone, cioè tra cittadini mancati – e le loro reciproche proiezioni velleitarie di natura sentimental letterario pornografica. Io qui partecipo a una delle varie manifestazioni della mia persona nella sua interezza civile, ma chi vi ficca il naso? A distanza di un anno dall’apertura di questo blog e di tanti interventi di mio pugno, a parte lodare la competenza e il giudizio di chi lo ha inventato e lo cura e impedisce agli scoli logorroici di farne un colabrodo, l’unica idea che mi sono fatto dei 50.000 visitatori che lo hanno contattato consiste nel non essere stato messo in grado di farmene alcuna, tanto rari sono i commenti apparsi e, tra questi, pressoché tre in tutto quelli non sciocchi. Mi si riferisce che i commenti, che pur abbondano, sono o mero e anonimo cicaleccio da internauta con problemi di alfabetizzazione e quindi da psicopatico standard o pretesto per esibizioni egotiche avulse da ogni relazione con i testi pubblicati, e che otto curiosi su dieci vi planano avendo avviato la ricerca con la parola “cazzo”. Neppure ho registrato la benché minima variazione nelle vendite dei miei titoli, quindi temo di non aver coperto nemmeno le spese di invio degli sms. Con queste premesse, è un bene che, toltosi lo sfizio, presto questo blog chiuda o faccia a meno di me. Con Internet, quanto a migliorare la sensibilità politica ed estetica, non è successo ancora niente. È l’ideale per i tribuni che poi staccano un biglietto a testa per il loro spettacolo dal, si fa per dire, vivo, e morta lì. Dal server ai servi lo scarto è minimo. Certo, quanto a ottimizzazione dell’onanismo, tanto di cappella. A.B.

Modesta proposta per smaltire l’umanità che ha rifiutato se stessa

19.10.09 da P. Quanta retorica sulla pena di morte! In merito alla trentina di navi cariche di rifiuti tossici affondate nelle acque calabre seminando morte da più di vent’anni in qua e chissà per quanti decenni a venire e di fatto cancellando un paio di regioni dalle rotte turistiche internazionali in quanto moderna e cancerogena Hiroshima, dove starebbe la barbarie giuridica se a Reggio Calabria, consegnati alla giustizia sia gli industriali produttori/spacciatori che i loro impiegati e lavoratori che sapevano e hanno taciuto sia i mafiosi che si sono fatti carico di affondarle sia i politici che li hanno coperti, si allestisse una nostrana sacrosanta Norimberga per crimini contro l’umanità aggravati da alto tradimento della Patria e si procedesse a un annegamento di massa per macigno al collo una carcassa pseudo umana via l’altra di quei carnefici di intere generazioni? Con buona pace del trito “Nessuno tocchi Caino”, visto che a nessuno verrebbe richiesto di contaminare la sua umanità buttandoli giù a mano dalla tolda: basterebbe una pertica. A.B.

Commenti

Beatrice

Io sono una che frequenta abusivamente questo blog, questo lo devo premettere, infatti non ho la più pallida idea di chi sia Peppi Nocera né guardo più di tanto i programmi televisivi di cui parla, dico abusivamente perché non appena apro la pagina del suo Kirkpinar mi fiondo subito a cercare se c’è un nuovo sms di Busi …
Siccome questo non è carino, alle volte per non sentirmi proprio una maleducata, in mancanza d'altro, leggo anche alcuni post di Peppi dei quali non sempre ne capisco il significato, io so solo che deve essere un gran brav’uomo (e lo sottolineo a scanso di equivoci) perché ospita nelle proprie pagine web il mio scrittore vivente preferito.
Del resto mi sono sorbita pure “Saranno famosi” per sentire Busi che intervista i ragazzi…
Io lo so che se smanio dalla voglia di leggere Busi mi basta allungare la mano negli scaffali che ho in sala e ci trovo tutti i suoi romanzi, ma questi sms sono l’occasione di avere sue estemporanee davvero imperdibili.
Non voglio essere fraintesa, non sono una fanatica di Busi, non è nè il mio idolo nè il mio eroe, è solo che mi piace da morire leggere quello che scrive!
Senza contare che i romanzi, tutti, specialmente quelli alla prima edizione mi sono costati non poco, mentre questi sms sono praticamente gratuiti, almeno per me…
Mi auguro quindi che Busi continui a scrivere su questo blog anche se magari solo per quei 3 che non sono arrivati qui digitando cazzo con google.

marco milzani

sottoscrivo, con l'aggiunta che se Busi tornasse a pubblicare i soldi sarebbero certo ben spesi.

Laura

"QUALCOSA DA RICORDARE" :per me lo sarà sempre e comunque il gran cuore di Aldo Busi, e mi spiace dover constatare che abbia compreso (così mi pare)che l'unico modo per sperare che la gente possa avere rispetto nei confronti di qualcun altro è dar loro loro la percezione che il bene dell'altro sia solo qualcosa di personale.
In breve c'è più umanità e dolcezza e rispetto nel senso di questo sms di quanto ne abbia percepito negli ultimi 6 mesi da parte di persone dichiaratamente votate al prossimo.
Grande.Sempre.
NB:io per giungere qui cerco "Aldo Busi Peppi Nocera" ...e 4!!

I commenti per questa nota sono chiusi.