Joni talks!
Una cinquina di già morti, da vivi.

Onore alle operaie Paola & Chiara

Allora:  Beyoncè sì bravina, ma deve essere una stronza di prima categoria e quando scoscia dalle sue contenitive a me fa paurissima. Jennifer Lopez oltre a fare musica orrenda è troppo burina. Lady Gaga mi stomaca nel suo copycattismo, mi annoia nel suo parrucchismo, ha fatto molti più soldi di quello che si merita quindi mo' basta. A Britney hanno consegnato dei singoli che nella grammatica della composizione pop erano perfetti, ma lei è sempre un po' come vedere un incidente in autostrada e quindi immalinconisce. Rihanna mai piaciuta - ma proprio mai - sebbene durante le prove di un po' di X Factor fa, le ho visto fare una scena da malavita alla sua crew colpevole secondo lei della rottura di una sua unghia finta incastratasi nelle maglie  in una rete di scena, quindi beyond the cagnaggine.  E sono molto severo nei confronti di Madonna: qualche pezzo molto molto buono, tantissimi altri mi annoiano da laccio emostatico e eroina sul cucchiaio e ultimamente non sopporto la sua protervia di Cougar assertiva, invece di starsene a casa a contemplare l'arte contemporanea che ha acquistato con i denari di tutte le parrucchiere del mondo.

E poi ci sono le sorelle Iezzi.

Tanto per cominciare sono bravissime a fare il loro. Certe volte degli inciampi nei testi, ma è davvero difficile declinare in italiano la dance. Hanno scritto delle ballad molto efficaci ("Un giorno di sole per me" è per esempio ingiustamente sottovalutata), altre volte indulgono troppo al manierismo Ciccone, ma in questo caso trattasi di amore sincero. Snobbate dalle majors - ma chissenefrega - continuano a produrre musica con impegno certosino e soprattutto a crederci, nonostante le ultime minacce d'abbandono, riprova ne è questo "Giungla", pieno di pezzi pensati per intrattenere il loro pubblico di riferimento, fatto da gente che acquista sicuramente anche le star straniere soppraccitate ma anche da me che faccio fatica a digerire il messaggio finto intenso e demagogo della grande maggioranza dei loro colleghi italiani. Acquistatelo perché "leggero" e indispensabile sotto l'ombrellone mentre cercate di farvi notare da qualcuno e vi date dei toni leggendo un Adelphi qualsiasi, non accorgendovi che lo state impugnando capovolto.

Paola-e-Chiara-giungla